INTEGRATORI DI CALCIO: quale compro?

Il calcio è l’elemento MINERALE più abbondante dell’organismo umano. Svolge funzioni vitali sia extracellulari (struttura ossea, eccitabilità neuromuscolare, coagulazione…),  sia intracellulari (componente di ormoni, modulazione enzimatica, neurotrasmissione, …).

Il fabbisogno giornaliero del CALCIO varia a seconda della fase di crescita (lattante, bambini, adulti, anziani) o fisiologica (gravidanza, allattamento, menopausa) che stiamo attraversando:

 

  • I lattanti necessitano 600mg/die
  • I bambini da 1 a 6 anni 800mg/die
  • Dai 7 ai 10 sono necessari 1000mg/die
  • Da 11 a 17 circa 1200mg/die
  • Dai 18 ai 29 anni 1000mg/die
  • Dai 30 ai 49 di nuovo 800mg/die
  • Oltre i 60 anni, gli uomini possono limitarsi a 1000mg/die, mentre le donne in menopausa devono raggiungere i 1200-1500mg/die
  • Donne in gravidanza e in allattamento necessitano di 1200mg/die di calcio.

IL CALCIO alimentare viene assorbito principalmente nel tratto superiore dell’intestino tenue e anche l’assorbimento varia in funzione dell’età, per esempio i bambini assorbono il 60% del calcio alimentare, gli adulti il 30%, mentre gli anziani il 20-25%. Il metabolismo del calcio è influenzato dalla dieta, dalla sua mobilizzazione dall’osso, dal riassorbimento renale e dalle perdite intestinali.

La CALCEMIA (livello di calcio nel sangue) è parametro ematico regolato da vari organi:

  • l’intestino assorbe il calcio alimentare,
  • i reni si occupano dell’attivazione della vitamina D, e del riassorbimento/escrezione di calcio,
  • la tiroide e le paratiroidi producono e secernono gli ormoni calcitonina e paratormone coinvolti nel metabolismo del calcio.

 

A LIVELLO ALIMENTARE L’ASSORBIMENTO E’ FACILITATO DA:

  • proteine dei latticini
  • zuccheri semplici
  • acidità intestinale (flora batterica acidofila)

 

ED E’ OSTACOLATO DA:

Inoltre ricordiamoci che il maggior stimolo alla deposizione di calcio nelle ossa è l’attività fisica.

Gli integratori di calcio NON SONO INTEGRATORI DA ASSUMERE ALLA LEGGERA e senza previo consulto medico, perché possono avere effetti collaterali e possono interagire con alcuni farmaci riducendone l’efficacia.

L’integrazione è consigliata in caso di: Osteoporosi, Carenza di calcio, Acidità gastrica, Dispepsia, Esofagite erosiva, Ulcere gastriche, …

Gli integratori di calcio non sono tutti uguali perché non contengono calcio tal quale, ma contengono SALI DI CALCIO, come (calcio fosfato, calcio carbonato, calcio gluconato, calcio citrato,…) spesso arricchiti con vitamina D per favorirne l’assorbimento.
I SALI DI CALCIO NON SONO TUTTI UGUALI. A seconda del composto al quale il calcio elementare viene associato cambiano, ad esempio, la solubilità in acqua, la biodisponibilità e la percentuale assorbita su tot grammi.

Facciamo un esempio: se un integratore riporta che ogni compressa contiene calcio carbonato 2500 mg, sappiate che contiene 1000 mg di calcio elementare, cioè POTENZIALMENTE ASSORBIBILE. 2,5 volte in meno quindi

  • Calcio carbonato: calcio elementare 2/5
  • Calcio citrato: calcio elementare 1/5
  • Calcio gluconato: calcio elementare 1/10
  • Calcio cloruro: calcio elementare 3/5 (usato endovena)

Coma integratori da banco il Calcio carbonato e Calcio citrato sono i più validi anche come effetti collaterali e azione antiacido.

Il CALCIO CARBONATO va assunto con il pasto, o può essere assunto anche a digiuno ma in associazione ad una spremuta di agrumi. Si consiglia di assumere il calcio carbonato a distanza di almeno un paio d’ore da altri farmaci, di cui potrebbe diminuirne l’effetto.
Il CALCIO CITRATO  è assorbito meglio a digiuno.

Indipendentemente dalla fonte di calcio scelta, SAPPIATE che la percentuale di minerale assorbita dipende dalla dose: è massima per apporti FINO A 500 mg  per dose. Cioè se ne prendiamo troppo tutto insieme non lo assorbiamo. Potrebbe quindi essere utile suddividere la dose in due diverse assunzioni giornaliere da 500 mg nel caso di un adulto per esempio.

LEGGETE SEMPRE L’ETICHETTA DEGLI INTEGRATORI!!!

Aprile 1, 2017