Il vero senso della terapia alimentare.

CI SI RIVOLGE AD UN NUTRIZIONISTA PER VARI MOTIVI:

  • Dimagrire (in modo corretto)
  • Ingrassare (in modo corretto)
  • Affrontare nuove fisiologie: menopausa, gravidanza, allattamento
  • Gestire forme di intolleranza o di allergia
  • Semplicemente sapere cosa mangiare e cosa evitare in presenza di specifiche patologie (gastrite, ernia iatale, reflusso gastroesofageo, ipertensione, colesterolemia, colite,…)
  • Far rientrare i valori sballati più o meno gravi delle analisi del sangue
  • Sapere come far mangiare in modo corretto i propri figli
  • Seguire una alimentazione corretta per rimanere nel proprio peso
  • Sapere come alimentarsi per far aumentare la massa muscolare
  • Mangiare meglio per eliminare la ritenzione idrica o per idratarsi
  • Essere rialimentati dopo interventi chirurgici vari
  • Se ne è dotato, essere misurati con una BIA e conoscere la propria composizione corporea (muscoli, acqua, grasso)
  • Essere accompagnati anche con la giusta alimentazione ad uscire fuori da un disturbo alimentare più o meno grave. Etc…

IN SINTESI: PER STARE, VEDERSI E SENTIRSI MEGLIO AFFIDANDOSI AD UN PROFESSIONISTA QUALIFICATO.

La chiamiamo dieta, terapia alimentare, schema nutrizionale, ma non e’ importante. La cosa importante e’ che non dovremmo intraprenderla come un trattamento a tempo, 2 mesi, 3 mesi (finchè non mi si riabassa la pressione, finchè non mi si riabbassano i trigliceridi,…), ma dovrebbe diventare il nostro nuovo stile a tavola DA NON DIMENTICARE, soprattutto se, come capita quasi sempre, ne abbiamo tratto benefici sia in termini di peso che di benessere generale.

UN NUTRIZIONISTA NON DEVE INSEGNARVI SOLO QUANTI GRAMMI DI QUESTO O DI QUELL’ALIMENTO DOVETE MANGIARE, MA DEVE FARVI CAPIRE ANCHE A QUALI ORE MANGIARE, E COSA MANGIARE A SECONDA DEL VOSTRO STILE DI VITA E DEI VOSTRI IMPEGNI. DEVE INSEGNARVI COME ASSOCIARE GLI ALIMENTI NEI VARI PASTI E COSA SIGNIFICA NUTRIRSI CORRETTAMENTE; NONCHE’ SPRONARVI A SVOLGERE UNA ATTIVITA’ FISICA PERSONALIZZATA.

Piu’ cominciamo a sgarrare in quantita’ e in frequenza, piu’ ricominciamo ad usare condimenti e salse varie diverse dall’olio extravergine d’oliva, piu’ ci allontaniamo dallo schema alimentare che ci aveva fatto dimagrire e/o sentire bene….piu’ velocemente ritorneremo alla condizione di partenza e ci dimenticheremo del senso di benessere che abbiamo provato mentre eravamo in dieta, ricominciando a fare gli stessi errori di prima.