DIAGNOSTICARE LA CELIACHIA

Per diagnosticare la CELIACHIA si procede in questo ordine:

  1. Valutazione della sintomatologia del paziente
  2. Esami del sangue con dosaggio di specifici auto-anticorpi
  3. Biopsia duodenale

 

  1. La sintomatologia della malattia celiaca può essere molto evidente o sfumata. Sono sempre presenti comunque sintomi da MALSSORBIMENTO e MALNUTRIZIONE. Nei bambini i sintomi caratteristici sono la diarrea con feci semiliquide o liquide, abbondanti e lucide e con scariche frequenti, spesso associati a dolori addominali e vomito. Vi può essere un arresto della crescita o una perdita di peso. Il bambino è in genere pallido, magro ma con un addome molto pronunciato e sporgente. Negli adolescenti e negli adulti i segni e i sintomi a cui fare attenzione sono: l’anemia da carenza da ferro, la comparsa e il persistere di ulcere in bocca (afte), la stanchezza persistente, gonfiori alle gambe e alle palpebre, piccoli sanguinamenti cutanei, anomalie dello smalto dei denti o malattie della pelle come la dermatite erpetiforme.

 

  1. Gli anticorpi da prendere in considerazione in ordine crescente di specificità sono quelli ANTI-GLIADINA, ANTI-ENDOMISIO e ANTI-TRANSGLUTAMINASI. In realtà basterebbe il dosaggio dei soli anticorpi Anti-Transglutaminasi per diagnosticare celiachia.

  1. La biopsia duodenale è l’esame più attendibile per formulare diagnosi certa di celiachia.

 

Gennaio 18, 2017

Tag: